Archivio tag: content marketing

Arrivano le City Guides di Facebook: concorrenti di Google Trips?

Facebook_CityGuides_BlogSembrerebbe che Mark Zuckerberg voglia fare concorrenza, nel settore del turismo, a colossi come Google, lanciando una nuova funzione per la propria applicazione che ricorda i già noti Google Trips: le City Guides. Vediamo di cosa si tratta…
Le City Guides, che si troveranno all’interno della sezione “Esplora”, proporranno una lista di città visitate dai propri amici, riportando opinioni e consigli relativi a locali, ristoranti, hotel e simili.

Continua a leggere

Instagram in Hotel: come trasformarlo in un canale di vendita.

Instagram_Hotel_BlogI numeri di Instagram crescono di anno in anno: nel 2013 contava 90 milioni di utenti registrati, mentre alla chiusura del 2016 ne ha contati ben 600 milioni. Sempre nel 2016, ha generato circa il 9% dei ricavi in advertising di Facebook (che ha acquisito Instagram nel 2012) e si stima che nel 2017 questi raggiungeranno la quota del 14%. Numeri non da poco per il terzo social più usato nel mondo, dopo i due colossi Facebook e Youtube.

Continua a leggere

Video marketing: una malattia virale. Come approfittarne?

Video_marketing_blogAvete mai sentito parlare di un tappetino di Yoga baffuto di nome Mat? Era il protagonista di una serie di video prodotti e diffusi dalla catena americana Kimpton Hotels, che con parole ammalianti ed eleganti convinceva business man e donne in carriera a prenotare una camera, a fronte di esercizi Yoga o massaggi Spa per le ore di relax fra un meeting e una conferenza. Gli ingredienti di successo di questo esperimento ben riuscito? Target ben identificato e un’ottima comunicazione della brand identity.

Continua a leggere

Perché scrivere, quando puoi anche parlare? Voice Search e SEO.

Voice SearchUno studio commissionato da Google nel 2014 aveva fatto già suonare un campanello di allarme alle orecchie dei “marketers”: lo studio rilevava che il 55% dei teenager e il 41% degli adulti della società statunitense si affida più di una volta al giorno agli “assistenti vocali” (alias Siri per iOS, Google Now per Android, Cortana per Windows Phone & Co.) per svolgere le proprie ricerche online. Continua a leggere